UA-72222363-1

Blog

Ago31

Booking Tutela Davvero l’Albergatore?

Booking tutela davvero l'albergatore?
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn

Già in altri articoli ti ho parlato di Booking e di come utilizzarlo nella maniera corretta senza esserne sopraffatti, se non l’hai fatto, ti invito a leggere l’articolo Booking.com per Hotel: È davvero necessario?

Booking tutela davvero l’albergatore?

Probabilmente ti saranno capitate situazioni in cui il cliente avendo prenotato tramite Booking, magari decide di estendere il soggiorno presso il tuo Hotel e magari, anziché farlo recandosi direttamente alla Reception, come sarebbe logico fare, ha invece preferito effettuare la prenotazione tramite Booking, magari stando all’interno della sua stanza d’albergo!

Clienti che prenotano da Booking e non da te

Se non questa, sicuramente altre situazioni bizzarre, te ne saranno capitate a centinaia, se solo potessi parlare credo che un libro di 300 pagine non ti basterebbe per raccontare tutto quello che ti è successo 😉

Sicuramente mi dirai che non è possibile fare almeno di Booking, che oramai sei tuo malgrado diventato schiavo di questa OTA (Online Travel Agency) e che non sei presente li, nessuno sa che esisti.

In realtà le cose non stanno proprio cosi, c’è un modo per slegarsi dallo strapotere di queste OTA, ma ovviamente c’è da lavorare sodo, niente arriva per caso.

Le strategie di Web Marketing Turistico di cui ti parlo, servono a creare un Brand forte e una presenza importante senza dover essere schiavizzati da nessun tipo di OTA. Tuttavia, vedo ancora strutture ricettive schiave di queste OTA che fanno il bello e il cattivo tempo.

Booking tutela sempre il Cliente e non Te

Come ben sai, se il cliente ha un comportamento irragionevole Booking tutela sempre quest’ultimo e non te!

Quante volte ti sarà capitato un cliente che prenota un soggiorno scontato non rimborsabile e poi all’ultimo minuto avvisa che non verrà o peggio ancora non si presenta per niente. Al momento di prelevare dalla carta di credito per addebitargli l’importo dovuto, si scopre che sono delle ricaricabili senza nessun credito. Alla fine dovrai pagarci da sopra anche le commissioni a Booking, nonostante tu non abbia incassato nemmeno un centesimo!

Giocare sul fattore prezzo è un partita persa già in partenza

Perché avviene tutto questo?

Perché si gioca sul fattore prezzo, che come più volte ti ho detto, è un partita persa già in partenza. Se si cerca di guadagnare facendo tanti numeri e si gioca sul fattore prezzo, puntando al massimo ribasso, il risultato sarà quello di attirare tantissimi clienti di questo genere, oltre ad un esaurimento nervoso, finisci per non guadagnarci nulla nemmeno dal punto di vista economico.

Eliminare Booking è possibile?

La soluzione è differenziarsi, essere unici, offrire un prodotto che risolva un problema o risponda a delle precise esigenze, e farsi pagare per quello che si offre e non andare la ribasso.

Se la mia struttura ricettiva ha un punto di forza, ad esempio mi trovo a 500 metri di distanza da un museo, uno scavo archeologico di particolare interesse oppure ho il mare a 2 passi dal mio Hotel, bisogna puntare su questi fattori.

Il cliente deve trovarti perché ha un esigenza ben precisa, non quella di risparmiare e basta.

Se io sono un appassionato di immersioni subacquee e cercando su Google trovo per caso un Hotel che si trova a distanza di 500 metri e magari ci sono delle convenzioni esclusive, oltre a tanto materiale informativo e tutto quello che mi serve per ottimizzare il mio soggiorno, prenoto senza pensarci nemmeno un secondo.

Un altro esempio personale che ti porto è il mio.

Io sono un appassionato di Dischi in Vinile, ultimamente ho comprato una ristampa di Vasco Rossi in Alta Qualità a tiratura limitata di 496 copie. L’ho pagato 35 euro, quando il CD lo avrei pagato 9 euro o addirittura zero euro se avessi scaricato il tutto piratamente. Ma dato che sono un appassionato, ho acquistato il Vinile, questo è quello che avviene in qualsiasi settore, dove sono presenti gli appassionati. Chi è veramente interessato a qualcosa non bada al prezzo, ma è disposto a spendere, pur di ottenere quello che desidera.

Creare un Brand Forte

Quindi la prima cosa da fare individua qual’è il tuo punto di forza e costruisci la tua presenza online.

Come? Creando articoli di alto valore e che siano davvero utili e interessanti per il tuo Target di Potenziali clienti.

Come ti dicevo prima, se i miei potenziali clienti sono appassionati di immersioni subacquee, scriverò o farò scrivere da qualche amico esperto, articoli a riguardo. Quali sono i migliori posti dove andare, quali sono le norme di sicurezza da seguire e tanti altri ottimi consigli, a questo proposito ti consiglio di leggere l’articolo Lead Generation: Come trovare nuovi clienti per il tuo Hotel.

Qualcuno potrà obiettare che crearsi una presenza Online richiede tempo e sacrificio, questo è vero, tuttavia c’è una soluzione per ottenere visibilità nell’immediato e ottenere prenotazioni online.

Qual’è? Facebook Ads.

Non parlo solo della pagina Fan di Facebook che devi obbligatoriamente avere e che dovrai nutrire di post e articoli interessanti, ma di utilizzare gli annunci a pagamento di Facebook. Se credi che per ottenere risultati con Facebook, basti solo utilizzare le funzioni gratuite, ti sbagli di grosso.

Con Facebook Ads hai la possibilità, nel momento in cui scrivo, di pagare gli annunci pubblicitari a costi davvero contenuti rispetto a Google Adword. Con Facebook si creano annunci pubblicitari sfruttando gli interessi del pubblico, tornando all’esempio precedente, se il tuo pubblico ama le immersioni subacquee, dovrai proporre il tuo annuncio, a tutti coloro sono appassionati di questa disciplina e tutte le attività ad esso correlate.

Su Facebook Ads si apre tutto un mondo che non può essere sintetizzato in poche righe, ma è sicuramente uno strumento vincente molto poco utilizzato soprattutto dalle strutture ricettive.

Per oggi mi fermo qui, se desideri altre informazioni o vuoi scrivere la tua opinione lo puoi fare scrivendo qui sotto.

Ti chiedo una cortesia, se l’articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici su Facebook, Twitter, Google+, Linkedin o qualsiasi Social a te piaccia. Cosi mi aiuterai a creare altri articoli come questo, grazie.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn
error: Il contenuto è protetto !!