UA-72222363-1

Blog

Dic30

Guida SEO Per Hotel: 3 Strategie per Aumentare la Visibilità Del Tuo Sito Web

Guida SEO Per Hotel
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn

Con questa Guida, ti illustrerò alcune strategie SEO, che potranno tornarti utile, per far si che il tuo Hotel possa comparire nelle prime posizioni di Google o quantomeno migliorare il tuo posizionamento attuale. Se non l’hai fatto, ti consiglio di leggere il precedente articolo SEO per Hotel: Come essere visibili nei motori di ricerca

Sento dire qui e li, che la SEO è morta, ma sarà davvero cosi?

Secondo me no, conoscendo le giuste tecniche si può fare ancora molto. C’è addirittura chi sostiene che se si padroneggiano davvero bene le tecniche di SEO, ci si può piazzare nelle prime posizioni dei motori di ricerca facilmente.

SEO cos’è? 

Ma iniziamo col dire che cos’è, la SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization o meglio è l’Ottimizzazione sui motori di ricerca.

Guida SEO 

Quando si parla di SEO, inevitabilmente si parla di Google. E’ vero che non esiste solo Google, ma anche altri motori di ricerca quali Yahoo, Bing, Yandex e altri ancora. Ma la maggior parte degli utenti, oramai, cercano su Google. Inoltre ottimizzando il proprio sito web per Google, si comparirà inevitabilmente nelle prime posizioni degli altri motori di ricerca.

3 Fattori chiave per aumentare il Rankig

Ci sono almeno più di 200 Fattori di Ranking che Google utilizza per analizzare i vari siti web e relative pagine, ma di tutti questi 3 sono i fattori chiave e sono:

1. Link
2. Contenuti
3. RankBrain

Andiamo in ordine e partiamo dai link.

Link

I link, come credo tu sappia, sono i collegamenti ipertestuali che ci sono all’interno di una pagina web, che rimandano l’utente da una pagina ad un’altra o in una posizione diversa della stessa pagina.

Qualcuno più esperto penserà che parlo della tecnica dei Backlinks, che in tempi passati è stata una tecnica che permetteva facilmente, in maniera non proprio etica, di arrivare nelle prime posizioni di Google, semplicemente facendosi linkare da un massiccio numero di siti differenti, molte volte anche di bassa qualità o addirittura creati ad Hoc giusto per poter inserirci un link che portasse al proprio sito.

No, fortunatamente questa tecnica non funziona più e per altro Google penalizza fortemente questi siti che fanno uso di questa tecnica.

Google, a differenza di tanti anni fa, oggi valuta la qualità dei provenienza dei link. Moz, un sito specializzato in tecniche di SEO, li chiama Domain Authority (DA) e Page Authority (PA). Tra l’altro Moz offre degli strumenti Gratuiti davvero utili, che potrai trovare a questo link https://moz.com/researchtools/ose/

Il Domain Authority, ovvero L’Autorità del dominio, viene calcolata valutando i links del dominio principale, per capirci, ad esempio www. tuosito .com. Il numero di links totali, e inoltre altri parametri come MozRank, che rappresenta la Link Popularity score o meglio la popolarità dei link. Il MozTrust che misura il Trust Score ovvero l’affidabilità del sito. Tutto questo crea il punteggio del Domain Authority.

La Page Authority ovvero l’autorevolezza della pagina, è un punteggio sviluppato da Moz che prevede come una pagina specifica verrà valutata dai motori di ricerca.

Questi due parametri possono essere controllati tramite il sito CheckMoz oppure una Extension di Chrome la Seo Toolbar.

Tieni presente che questi parametri di cui ti ho appena parlato, sono creati da Moz, l’algoritmo di Google è un altro e si chiama Hummingbird.

Cos’è Hummingbird? 

Hummingbird è stato creato da Google per cercare di capire l’argomento delle pagine, se per noi umani è facile comprendere di cosa si parla in un articolo, per un algoritmo non tanto. Facciamo un esempio, se in una pagina si parla di Caccia, inteso come uccisione di animali selvatici e magari l’utente cerca la parola Caccia, inteso come un modello di Aereo Militare, il motore di ricerca potrebbe non comprenderlo e quindi mostrare dei risultati sbagliati.

Hummingbird di Google ha il compito di capire l’argomento esatto della pagina analizzata, in che modo? Utilizzando l’analisi Semantica. A differenza del Keyword Stuffing, cioè la tecnica di ripetere in maniera eccessiva una o più parole chiave con il solo scopo di comparire nelle prime posizione, non funziona più. Tranne in alcuni settori particolari, è motivo di penalizzazione di molti siti web.

Quello che fa l’algoritmo di Google è quello di capire il significato, attraverso come dicevamo prima l’uso della semantica. Sapendo utilizzare sapientemente l’uso della Semantica, si possono indicizzare nella stessa pagina più parole chiave, per comparire nei motori di ricerca attraverso differenti ricerche. Un ottimo articolo a riguardo è stato scritto da Social Media Expert, potete leggerlo cliccando qui

Un altro software gratuito che sento di consigliarti è SEO Hero, questo sito ti mostra tutte le parole tra di loro collegate per creare un articolo ricco dal punto di vista Semantico.

Tornando a l’uso dei Link, quello che devi fare è quello di piazzare link che indirizzino al tuo sito, da Domini che abbiano un alto valore di Domain Authority e su pagine che godono di un alto valore di Page Authority. Lo puoi fare chiedendo un scambio di link, commentando nei Blog e Forum che godono di una certa importanza e autorevolezza. Ovviamente do per scontato che tutte queste operazione devono essere indirizzate su siti, blog e forum che siano attinenti con quello che offre il tuo sito web. Se tu possiedi un Hotel, non puoi linkarti su un sito che parla di tutt’altro. Dovrai cercare siti che parlano di Turismo, Viaggi e tutto quello che è correlato a questo tipo di argomento.

Assicurati di inserire nell’Anchor Text, cioè il Testo di Ancoraggio, le parole che inserisci nel link, siano variegate e sopratutto utilizza l’esatte parole chiave, questo aumenterà il Ranking, non esagerare fallo un paio di volte, altrimenti rischierai di essere penalizzato da Google. Se per esempio stai cercando di comparire su Google con le parole B&B Roma, dovrai utilizzare queste parole, ma non esagerare per i motivi che ti dicevo in precedenza. Se ancora non ti è chiaro cosa sia l’Anchor Text puoi leggere questo l’articolo del Blog Tagliaerbe, cliccando qui

Quindi riepilogando, devi avere tanti link che puntano al tuo sito sparsi su tanti domini di alto valore, con un Anchor Text mirato ma variegato non sempre le stesse parole chiave. Utilizzando l’esempio di prima, un paio di volte potrai utilizzare B&B Roma, un’altra volta Camere a Roma, un’altra ancora Bed and Breakfast Roma e cosi via.

Contenuti 

Oltre a quello che ti ho detto prima dovrai lavorare anche sul contenuto delle tue pagine, ricordati come ti ho sempre ripetuto nei miei articoli devi sempre scrivere articoli di alto valore, che siano utili per i tuoi utenti. Anche solo scrivendo contenuti di alto valore, potrai aumentare il posizionamento delle tue pagine web, ma senza un buon contenuto tutto il resto delle tecniche non serve a nulla.

Se produci contenuti dove la concorrenza per quelle parole chiave è bassa, a coda lunga detta Long Tail Keyword, hai la possibilità di essere primi per alcuni tipi di ricerca.

RankBrain 

RankBrain è il sistema di intelligenza artificiale di Google che apprende automaticamente per fornire i migliori risultati di ricerca per gli utenti. Si aggiorna automaticamente e “impara” dalle ricerche degli utenti.

Cosa c’entra con quello che ci siamo detti prima?

Semplice, se ti concentri sul fornire il miglior contenuto possibile per le parole chiave di ricerca otterrai una migliore indicizzazione. Questo significa che devi creare ottimi contenuti con articoli che hanno un minimo di 500 parole che diano risposte pertinenti alla domande degli utenti.

Per oggi mi fermo qui, se desideri altre informazioni o vuoi scrivere la tua opinione lo puoi fare scrivendo qui sotto.

Ti chiedo una cortesia, se l’articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici su Facebook, Twitter, Google+, Linkedin o qualsiasi Social a te piaccia. Cosi mi aiuterai a creare altri articoli come questo, grazie.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn
error: Il contenuto è protetto !!